Su ipotesi scuola aperta fino al 30 giugno nessun consulto con sindacati

Rino Di Meglio sul piano  della ministra di prolungare le attività didattiche fino al 30 giugno

lunedì 7 dicembre 2020
“Nessuno ha avuto la cortesia di consultarci in merito all´ipotesi di prolungare le attività didattiche fino al 30 giugno per recuperare le ore di lezione perse finora. Nell´attesa che ciò avvenga, crediamo sia opportuno intanto ricordare che il lavoro dei docenti è regolato da un contratto collettivo nazionale, tra l´altro scaduto da due anni. In ogni caso, riteniamo che sia una proposta offensiva nei confronti della professionalità di tutti gli insegnanti impegnati ormai da mesi nella Didattica a distanza, metodologia faticosa, che richiede molta preparazione e un tempo di lavoro di gran lunga superiore rispetto a quello ordinario”.

A dichiararlo è Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti.

“La Gilda ha sempre sostenuto che la Dad sia un surrogato della scuola e che, come tale, dia risultati ben distanti da quelli della didattica in presenza. Ma se è stato necessario ricorrervi anche quest´anno a causa dell´incapacità del Governo di realizzare quelle condizioni imprescindibili per un ritorno a scuola in sicurezza, non si capisce per quale motivo a pagarne il conto debbano essere i docenti”, conclude Di Meglio.

Roma, 7 dicembre 2020
Ufficio stampa Gilda degli Insegnanti

Sorgente: Su ipotesi scuola aperta fino al 30 giugno nessun consulto con sindacati

Related Posts

Covid-19, Gilda: nei vaccini priorità al personale scolastico
Covid-19, Gilda: senza sicurezza no al ritorno in classe il 7 gennaio
Riapertura delle scuole? Solo dove viene garantita la sicurezza
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: