Classi pollaio, Azzolina: per cancellarle useremo il Recovery fund dell’Ue. Ma per settembre non si farà in tempo – Tecnica della Scuola

“Per ridurre il numero di alunni nelle classi servono fondi e tempo: per farlo utilizzeremo il Recovery fund”, il fondo di centinaia di miliardi di euro che l’Unione europea metterà a disposizione dei paesi membri: a dirlo è stata la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, intervenendo il 20 giugno a “RipartelItalia”, tour online organizzato dal Movimento 5 Stelle che ha fatto tappa in Calabria.

“Ritornare sui banchi per l’esame è stata la scelta migliore”, ha ribadito la titolare del Mi, anche se “la didattica a distanza è stato un metodo nuovo che potrà continuare ad essere utilizzato in classe, dove si torna a settembre”.

A proposito della dispersione di alunni, Azzolina ha detto che “non possiamo permetterci di perdere persone per strada anche perché il rischio è quello di finire nelle mani della criminalità organizzata e in questo la scuola ha un ruolo fondamentale. Avevo ricevuto sulla pagina Fb una richiesta da una famiglia calabrese per una bambina disabile per un tablet ed un montascala a cui abbiamo provveduto, sarebbe stata un caso di dispersione”.

Basta con le classi numerose

“Per questo abbiamo creato al Miur un fondo che risponda a tutte le richieste di aiuto che arrivano dalle regioni del Sud perché ogni richiesta inevasa è un rischio di dispersione scolastica. La stessa attenzione sarà data alle classi pollaio che il Covid ha evidenziato”: l’obiettivo, quindi, è insistere sulla riduzione del numero di alunni per classe. Con i fondi, i 170 miliardi relativi al Recovery fund, che l’Unione europea metterà a disposizione proprio per la ripresa, anche della scuola, dopo il Covid-19.

Utilizzando i fondi dell’Unione europea, ovviamente una parte, si potrebbe quindi realizzare quel disegno di legge sulla cancellazione delle classi pollaio (con punte di 34 alunni raggruppati, anche in vista del prossimo anno scolastico) e sulla riduzione del numero massimo (non oltre 22-23) che il M5S ha presentato da tempo alla Camera (quando Azzolina era sottosegretario all’Istruzione), il quale si è però arenato nelle commissioni parlamentari per mancanza di finanziamenti pubblici adeguati.

Tempi stretti

I tempi per vedere realizzata la riduzione di alunni già a settembre sono però troppo ridotti. Se ne sono accorte anche le Regioni, che ora chiedono rassicurazioni e non a caso hanno fatto rinviare di una settimana la pubblicazione delle Linee Guida per la ripresa delle lezioni: chiedono garanzie …

Leggi l’articolo completo su: Classi pollaio, Azzolina: per cancellarle useremo il Recovery fund dell’Ue. Ma per settembre non si farà in tempo – Tecnica della Scuola

Related Posts

Scuola, il contratto integrativo sulla didattica a distanza spacca i sindacati. Le novità: docenti asintomatici possono insegnare in quarantena – Il Fatto Quotidiano
DID, Gilda non firma il contratto e chiede un tavolo politico
Supplenze covid bloccate, Gilda: ennesimo caso di cattiva gestione
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: