Convenzione Gilda Torino – CAF U.N.S.I.C.

CONVENZIONE

tra

Associazione Territoriale U.N.S.I.C. di Torino TO/74, con sede in Via Vigone 20/C Torino C.F.97786520011, rappresentata da Calogero Ignazio Fantauzzo in qualità di Rappresentante Legale

e

Gilda degli Insegnanti coordinamento provinciale di Torino con sede in Via Morghen,3 Torino , rappresentata da Maria Lucia Manca, in qualità di Coordinatrice Provinciale .

I SERVIZI COMPRESI NELLA PRESENTE CONVENZIONE SONO:

  1. Consulenza e compilazione dichiarazione dei redditi Mod. 730;
  2. Consulenza e compilazione dichiarazione dei redditi Mod. ex Unico PF;
  3. Compilazione IMU/TASI;
  4. Elaborazione DSU (ISEE) e servizi correlati;
  5. Redazione Mod. RED/INCIV;
  6. Stesura e registrazione Contratti di Locazione;
  7. Compilazione dichiarazione di Successione;
  8. Gestione Colf/Badanti.

    COMPENSI

  • I corrispettivi per i predetti servizi sono i seguenti:
  • € 25,00 dichiarazione singola 730;
  • € 40,00 dichiarazione congiunta 730;
  • € 50,00 per ogni dichiarazione ex UNICO PF;
  • € 10,00 calcolo IMU/TASI (compresi acconto e saldo) per chi a fatto 730 o ex UNICO;
  • €15,00 calcolo IMU/TASI ( compresi acconto e saldo);
  • Elaborazione DSU (ISEE) e servizi correlati GRATUITO (correzione a seguito difformità €

    5,00),

  • Dichiarazione RED/INCIV trasmessa GRATUITA;
  • € 100,00 Stesura e registrazione Contratto di Locazione ;
  • € 450,00 Compilazione Dichiarazione di Successione ;
  • € 200,00 Gestione COLF/BADANTI.

    La convenzione si rinnoverà automaticamente salvo disdetta da inviare entro il 31 dicembre di ogni anno tramite raccomandata A/R.

    Si precisa altresì che presso la nostra sede si possono espletare anche pratiche di patronato seguite da Medico Legale in Sede, di cittadinanza, test di lingua italiana per stranieri e accesso universitario.

Torino , 23/04/2018

 

 

Documenti 730 anno 2017: necessari da portare al Caf

Documenti 730 anno 2017: ai fini di dichiarazione dei redditi percepiti nel corso del 2016 riguarda la documentazione che i contribuenti devono allegare al modello, per il calcolo delle detrazioni e deduzioni IRPEF.

Documenti per 730 anno 2017 necessari da portare a Caf e al commercialista:

I contribuenti per la compilazione della dichiarazione dei redditi devono seguire le istruzioni compilazione del modello e presentare i seguenti documenti:

  • Documento d’identità valido del dichiarante e quello del coniuge in caso di 730 congiunto
  • Codice fiscale o tessera sanitaria di chi effettua la dichiarazione, del coniuge e dei familiari a

    carico.

  • Dichiarazione dei redditi anno precedente quindi modello 730/2016 o UNICO/2016.
  • Dati del datore di lavoro: denominazione, codice fiscale, indirizzo, telefono ecc.

Per verificare l’elenco completo: spese deducibili e detraibili dichiarazione dei redditi 2017.

Documenti redditi percepiti nel 2016:

  • Modello CU 2017 per la certificazione unica redditi da lavoro dipendente, pensione, collaborazioni, colf e badanti, cassa edile, ecc…
  • Modello CUD INPS la certificazione unica redditi da indennità pagate dall’Istituto sotto forma di cassa integrazione, mobilità, disoccupazione, ecc…
  • Modello CUD INAIL per la certificazione redditi pagati come indennità dall’Istituto in caso di infortunio sul lavoro o malattia professionale riconosciuta.
  • Assegni periodici di mantenimento pagati al coniuge in caso di separazione/divorzio. Presentare le ricevute di pagamento come bonifici o assegni o sentenza emessa dal Tribunale.
  • Per i redditi percepiti da fonte estera: assegni e/o certificati anche di pensioni estere.
  • Certificati redditi percepiti da fallimenti
  • Certificati di borse di studio.
  • Certificati redditi da capitale come ad esempio azioni e obbligazioni.
  • Ricevute ritenuta d’acconto redditi di lavoro autonomo occasionale, diritti d’autore, associazione in partecipazione o altri redditi.

Modello 730 2017 documenti F24:

  • Acconti IRPEF versati nel 2016 con F24
  • Ricevute di pagamento F24 per IMU, Tares, IUC
  • Ricevute F24 per compensazione crediti

Documenti relativi a immobili e terreni:

  • Visura catastale, eventuale valore dell’area edificabile ai fini del calcolo IMU
  • Atto di acquisto o vendita immobili e terreni acquistati o venduti nel corso dell’anno 2016
  • Dichiarazione di successione
  • Voltura di immobili ereditati in successione corredata da visura catastale.
  • Contratto di locazione registrato presso l’Agenzia delle Entrate.

Documenti ristrutturazione, costruzione o interventi di risparmio energetico abitazione principale:

  • Copia del contratto di mutuo sottoscritto e copia pagamento delle imposte pagate e spese di istruttoria.
  • Copia atto di acquisto dell’immobile, relativi oneri accessori di notaio e intermediazione.
  • Autorizzazione alla costruzione o ristrutturazione dell’immobile corredata da fatture che

    dimostrano per le spese sostenute per le opere, per professionisti, materiali, ecc.

  • Ricevute di pagamento degli interessi passivi mutuo.
  • Imposta ipotecaria o spese di istruttoria in caso di estinzione del mutuo
  • Credito d’imposta per il riacquisto prima casa.

Documenti ai fini di detrazione interventi di ristrutturazione immobili e mobili:

  • Fatture, ricevute fiscali o bonifico bancario
  • Ricevuta raccomandata inviata al Centro Operativo di Pescara per la comunicazione di

    inizio lavori

  • Dichiarazione amministratore in caso di spese di ristrutturazione condominio.
  • Acquisto di box di pertinenza abitazione principale: atto di acquisto e spese accessorie +

    dichiarazione dei costi di costruzione

  • Acquisto immobili ristrutturati: atto di acquisto dove si evinca il diritto alla detrazione
  • Acquisto mobili e elettrodomestici con Ecobonus: fattura e ricevuta del bonifico bancario o

    postale

Documenti per detrazione 65% interventi riqualificazione energetica degli edifici:

• Bonifico bancario e fattura a dimostrazione dell’intervento, copia documentazione inviata all’Enea.

Spese inquilini contratto di locazione:

  • Canoni locazione inquilini a basso reddito.
  • Canoni locazione abitazione principale per lavoratore dipendente che trasferisce la residenza

    per motivi di lavoro

  • Canoni locazione abitazione principale per giovani tra 20 e 30 anni
  • Canoni alloggi sociali
  • Canoni di locazione per gli studenti universitari fuori sede: copia contratto di locazione

    registrato e ricevute di pagamento canone

  • Contratti a canone convenzionato.

Spese sostenute nel corso del 2016:

  • Spese per attività sportive per figli di età compresa tra 5 e 18 anni: ricevuta di pagamento.
  • Spese per l’acquisto di nuovo frigorifero o congelatore almeno di classe A+: scontrino con

    indicazione del codice fiscale o fattura

  • Spese acquisto/installazione motori ad alta efficienza elettrica: fattura e ricevuta di invio

    all’Enea

  • Spese mediche: ricevute e fatture, ticket e scontrini dei medicinali acquistati.
  • Spese farmaci da banco e con prescrizione medica: scontrino parlante.
  • Spese per l’acquisto di un veicolo intestato al disabile: ricevuta fiscale o fattura.
  • Spese mediche/assistenza per i portatori di handicap: fatture/ricevute comprovanti la spesa e

    documento di invalidità o autocertificazione di invalidità

  • Spese acquisto cani guida per non vedenti: ricevuta di pagamento.
  • Spese per istruzione, asili nido: fatture e ricevute fiscali, spese mensa scolastica 2017.
  • Spese funebri 2017 fatture e ricevute di pagamento.
  • Spese veterinarie: fatture e ricevute fiscali e scontrino parlante in caso di acquisto

    medicinali.

  • Spese per assicurazioni vita, infortuni: ricevuta pagamento del premio, contratto polizza

    stipulata.

  • Spese previdenza complementare individuale: attestato di versamento.
  • Erogazioni liberali novità: ricevute di pagamento.
  • Contributi previdenziali obbligatori e facoltativi, colf e badanti e versamenti F24 e bollettino

    postale.

  • Assegno periodico pagato al coniuge a seguito di separazione o divorzio: codice fiscale

    coniuge, ricevute di pagamento e sentenza emessa dal tribunale.

  • Spese per soggetti disabili: ricevuta rilasciata dal soggetto che presta assistenza, certificato

    medico attestante la condizione di non autosufficienza

  • Spese per interessi bancari mutui ipotecari: ricevute di pagamento.